“Non c’è niente di buono, a meno che tu non lo faccia”

Come l’innovazione semplifica la costruzione: una conversazione con Bernd Beierkuhnlein

Sig. Beierkuhnlein, le innovazioni sono il suo elisir di lunga vita, ha un prodotto preferito?

Oh, ho una vasta gamma di prodotti preferiti. Mi piace così tanto lavorare nel nostro team di innovazione, proprio perché possiamo iniziare le cose per far fronte agli attuali cambiamenti climatici e organizzativi. Uno dei miei prodotti preferiti attualmente è il Ground Cube, un centro di riscaldamento prefabbricato e locale di collegamento domestico – senza perdita di spazio,e senza regolazioni a distanza.

Dalla pubblicazione di questo concetto, lei è stato sopraffatto dalle richieste. Cos’ha di speciale il suo “Ground Cube”?

L’approvvigionamento energetico di piccoli e grandi edifici, così come l’elettromobilità, ha la massima flessibilità, grazie a questo spazio prefabbricato scalabile, che può essere interrato. Questo prodotto ha centrato il bersaglio.  

Ulteriori prodotti sono “Hybrid PV e Hybrid Renovation. Mi piace che con il Hybrid Renovation System riesco a ottimizzare gradualmente un vecchio edificio in termini di energia. Nei vecchi edifici, in particolare, i sistemi di riscaldamento lavorano ancora  con combustibili fossili nell ‘intervallo di alta temperatura. Una modifica di un tale sistema di riscaldamento di solito comporta misure aggiuntive come l’isolamento, la sostituzione di finestre e radiatori. Il fulcro della ristrutturazione da noi sviluppato è un sistema di accumulo ibrido, ovvero uno scambiatore di calore con separazione di sistema.Ciò consente di far funzionare una pompa di calore, in combinazione con una stufa a gasolio o gas senza problemi. Un primo passo verso la riqualificazione energetica di vecchi edifici a cui potranno poi seguire ulteriori passaggi.

Qual è il prossimo?
Oltre all’ulteriore sviluppo del “Ground Cube”, stiamo lavorando su sistemi come il “Back Packer”, una griglia di installazione sulle facciate, così come altre standarizzazioni di bagni prefabbricati, ma sempre progettati individualmente. Altre considerazioni trattano anche temi, quali coperture prefabbricate e facciate prefabbricate, con tecnologia integrata.

Tra l’altro, lei è un consulente energetico e brand manager per la gestione strategica dell’innovazione del Gruppo GC per il marchio S!STEMS. Tutte le sue elaborazioni hanno un background energetico?

Ci consideriamo fornitori  di servizi per tutti coloro che sono coinvolti nella costruzione, dagli artigiani agli architetti, dai pianificatori delle attrezzature tecniche per l’edilizia,  alle associazioni edilizie. Usiamo l’esperienza di circa 3.000 rappresentanti di vendita per sviluppare e ottimizzare prodotti sostenibili ed energeticamente sensibili.

L’intervista è stata condotta dall’architetto Stuart Stadler con Bernd Beierkuhnlein

blank
bernd.beierkuhnlein@sistems.de
www.sistems.de
Die GC Gruppe ist ein Großhandel für SHK Haustechnik und bietet Europaweit ca. 4,5 Millionen Produkte für die Sortimentsbereiche Sanitär, Heizung, Klima/Lüftung, Elektro & Installation. Im Rahmen eines strategischen Innovationsmanagements werden seit 2017 fachübergreifend Produkte entwickelt, die unter dem Namen S!STEMS seit Oktober 2020 auf dem Markt angeboten werden. Das spannende hierbei ist, dass es sich um Systemlösungen handelt, deren Mehrwert sowohl in der Vorfertigung, als auch in der modularen Zusammenstellung, sowie der Optimierung einzelner Produktelemente liegen.

zum thema

KI – Jenseits des Menschlichen?

Künstliche Intelligenz ist im Bereich der Architektur und des Bauwesens angekommen. Sie läßt sich jetzt in breiter Art und Weise im Architekturbetrieb einsetzen. Mit Midjourney, Dall●E, Stable Diffusion, Craiyon, etc. werden offene Türen eingerannt. Michael Holze ist Professor für computergestützte Architekturdarstellung an der BHT Berlin. Bei BAUKUNST erklärt er, wie KI heute in der Architektur eingesetzt wird.

Initiative Baukunst wird Baukunst.ART

Heute, da ein Schwerpunkt meiner Arbeit in der ehrenamtlichen Auseinandersetzung mit Architektur liegt, freue ich mich, ein aufregendes neues Kapitel für unsere Zeitschrift „Baukunst“ einzuläuten.

Selbstversuch mit Künstlicher Intelligenz

In diesem kurzen Dialog zwischen einem Architekten und einer KI beleuchten wir die Möglichkeiten einer Zusammenarbeit mit einer KI am Beispiel einer Planung für ein Wochenendhauses in Tirol.